By Friedrich Nietzsche, a cura di Mazzino Montinari

Show description

Read Online or Download Opere. Così parlò Zarathustra PDF

Best italian books

La passione secondo Thérèse

Milano, Feltrinelli,, 1999, eightvo brossura editoriale con copertina illustrata a colori, pp. 172 (piccole fioriture al taglio) .

Extra resources for Opere. Così parlò Zarathustra

Example text

Di Chiara Che cosa vuol dire quindi cancellare la differenza di essere e di niente se prima lei affermava che ci può essere fede nel divenire solo se si ha fede nella differenza tra l'essente e il niente? Severino Appunto: sto dicendo che l’epistéme cancella proprio ciò di cui essa ha bisogno per esistere come epistéme, ossia come dimensione in cui viene per la prima volta portata alla luce la fede nel divenire (giacché è a partire dal divenire che l'epistéme afferma il Senso immutabile, eterno, divino in cui il divenire è inscritto e da cui è fondato).

Questo è un fenomeno molto frequente nella filosofia contemporanea, dove le critiche più radicali al “principio di non contraddizione” sono inseparabili da una inconsapevole ma essenziale accettazione di tale principio, che dunque non viene considerato nella sua essenza, in quanto tale, ma in configurazioni improprie o accidentali. Nietzsche, per esempio, pensa a un principio di noti contraddizione che nega il divenire “evidente” del mondo. Ma questo, e dal punto di vista dello stesso sottosuolo del pensiero di Nietzsche, è un principio di non contraddizione derivato, che differisce dal senso essenziale di tale principio.

La Provvidenza è un provvedere che insieme, ed essenzialmente, è un prevedere. Nel mio libro Il giogo (Adelphi, 1989) si riflette a lungo sul senso della connessione che in Eschilo unisce il significato della parola “Prometeo” e il significato delle parole “previsione” e “provvidenza”, nelle quali si rispecchia l’essenza dell’epistéme. I Greci sentono in “Pro-meteo” il pro-mathés, colui che prevede; Eschilo pensa il fondamento essenziale del prevedere, cioè vede in Prometeo colui che possiede il sapere e la conoscenza che sono propri dell'epi-stéme, ossia il sapere che, proprio perché incontrovertibile, anticipa in modo incontrovertibile il futuro - e in quanto lo anticipa consente di sopportare il dolore presente e futuro -e di darsi ragione, e dunque, daccapo, di sopportare anche quello passato.

Download PDF sample

Rated 4.44 of 5 – based on 39 votes