By Gennaro Bussone, Gerardo Casucci, Fabio Frediani, Gian Camillo Manzoni, Vincenzo Bonavita

Le cefalee rappresentano uno dei problemi che pi? spesso il medico deve affrontare. Esse hanno aspetti clinici proteiformi ai quali corrispondono diversi indirizzi di cura. in line with orientarsi di fronte advert una situazione cos? complessa, occorrono esperienze e chiari punti di riferimento, entrambi presenti in quest'opera. Gli argomenti sono trattati in modo piano e sintetico e con un approccio eminentemente pratico, ma con gli opportuni riferimenti ai problemi fisiopatologici indispensabili advert un approfondimento delle conoscenze. I contenuti del manuale sono l'elaborazione dei tre moduli del Corso di formazione sulle Cefalee che l'Associazione in line with una Scuola delle Cefalee (ASC), braccio formativo dell'Associazione Neurologica Italiana in keeping with los angeles Ricerca sulle Cefalee (ANIRCEF), organizza ormai dal 1999. Questo quantity, a cui hanno contribuito diversi specialisti con capitoli di loro preminente interesse scientifico e clinico, si pone come un testo pratico in line with il clinico e quindi come un "compagno di lavoro" nell'attivit? quotidiana.

Show description

Read or Download Le cefalee: manuale teorico-pratico PDF

Best italian books

La passione secondo Thérèse

Milano, Feltrinelli,, 1999, octavo brossura editoriale con copertina illustrata a colori, pp. 172 (piccole fioriture al taglio) .

Additional info for Le cefalee: manuale teorico-pratico

Sample text

Il suo esordio può verificarsi già nel corso dell’aura, senza alcun intervallo temporale dalla fine dell’aura o a distanza di alcuni minuti, ma comunque non oltre i 60 minuti. Come evidenziato nella nuova classificazione, la fase dolorosa che segue l’aura, può presentare o meno caratteristiche emicraniche (Aura tipica con cefalea emicranica; Aura tipica con cefalea non emicranica). La durata della fase algica è mediamente più breve di quanto riscontrato nell’EsA, risultando inferiore a 4 ore in un quarto dei casi (rispetto all’8,5% dei casi di EsA).

Kelman L (2006) The postdrome of the acute migraine attack. Cephalalgia 26:214-20 4. Kelman L (2007) The trigger or precipitants of the acute migraine attack. Cephalalgia 27:394-402 5. Etminan M, Takkouche B, Isorna FC, Samii A (2005) Risk of ischaemic stroke in people with migraine: systematic review and meta-analysis of observational studies. BMJ 330:63-65 6. Kirchmann M (2006) Migraine with aura: new understanding from clinical epidemiological studies. Curr Opin Neurol 19:286-293 7. Cologno D, Torelli P, Manzoni GC (1999) Migraine with aura: a review of 81 patients at 10-20 years’ follow up.

Neurology 58:1407-1409 22. Sjaastad O, Bakketeig LS (2003) Cluster headache prevalence. Vågå study of headache epidemiology. Cephalalgia 23:528-533 23. Torelli P, Beghi E, Manzoni GC (2005) Cluster headache prevalence in the Italian general population. Neurology 64:469-474 Capitolo 3 Emicrania: la clinica D. Cologno Introduzione L’emicrania è una forma di cefalea primaria caratterizzata da una triade sintomatologica di cui fanno parte il dolore, i sintomi di tipo neurovegetativo e l’ipersensibilità agli stimoli neurosensoriali.

Download PDF sample

Rated 5.00 of 5 – based on 18 votes