By Maria Chiara Pievatolo.

Show description

Read or Download La giustizia degli invisibili : l'identificazione del soggetto morale, a ripartire da Kant PDF

Similar italian books

La passione secondo Thérèse

Milano, Feltrinelli,, 1999, eightvo brossura editoriale con copertina illustrata a colori, pp. 172 (piccole fioriture al taglio) .

Extra resources for La giustizia degli invisibili : l'identificazione del soggetto morale, a ripartire da Kant

Example text

It. p. 4). 97 . I. Kant, Die Religion innerhalb der Grenzen der bloßen Vernunft, B 131/A 123-B132/A124 (trad. it. pp. 101-102). 98 . La libertà e più ampia dell’autonomia e non si identifica con essa. Altrimenti, ne seguirebbe che la volontà sarebbe libera solo quando ci si comporta moralmente, cioè si è autonomi, mentre l’azione immorale, essendo 95 30 In uno stato di natura etico, ove, nonostante l’esigenza di universalità delle leggi della libertà, ciascuno segue massime particolaristiche ed esclusive, può darsi la più intensa coercizione privata, anche perché chiunque può ridurre a proprio arbitrio il novero dei soggetti morali da assumere come decisori ideali della legge morale.

95-106) osserva che l’autolegislazione è solo condizione necessaria e non sufficiente dell’autonomia della legge morale - per la quale occorre in più l’indipendenza motivazionale, cioè il disinteresse rispetto a bisogni e interessi particolari dell’agente. 99 . I. Kant, Über den Gemeinspruch: das mag in der Theorie richtig sein, taugt aber nicht in der Praxis, A 259. 100 . Ibid. 101 . I. , A 494 (trad. it. di G. Solari, in I. Kant, Scritti politici e di filosofia della storia e del diritto, Torino, Utet, 1965, p.

Esso funziona fin dove arriva la coazione: gli sfuggono, singolarmente, i resistenti civili e gli altri fuorilegge, e collettivamente gli altri stati, nell’arena internazionale. La forza del sovrano e la debolezza dei suoi sudditi non garantiscono né la legittimità, né l’efficacia del diritto. gli uomini, quantunque abbiano in capo l’idea di determinati diritti a loro spettanti, sono però, per la loro durezza di cuore, incapaci e indegni di essere trattati in base ad essi, e quindi solo un potere supremo può e deve guidarli secondo le regole della prudenza e attuare tra essi un ordine.

Download PDF sample

Rated 4.38 of 5 – based on 44 votes