By Autori Vari

Show description

Read Online or Download Enciclopedia della Chimica Vol.8 PDF

Best italian books

La passione secondo Thérèse

Milano, Feltrinelli,, 1999, octavo brossura editoriale con copertina illustrata a colori, pp. 172 (piccole fioriture al taglio) .

Additional resources for Enciclopedia della Chimica Vol.8

Sample text

Per l’affermazione, concernente Archita, vedi però: R. MONDOLFO, L’infinito nel pensiero dei Greci, pp. , 405. M. G. ed ETRURIA: E. CIACERI in Studi Etruschi, III, 1929, p. 478 ss. e Storia, II, p. ; J. HEURGON in Historia, VI, 1957, p. 63 ss. Vedi, però: B. COMBET in Mél. Arch. Hist. Rome, LXIX, 1957, p. , che attenua senza escluderli i rapporti dell’Etruria col mondo italiota. M. G. e ROMA: E. , I, p. ; F. SARTORI in Archivio Storico Calabria Lucania, XXVIII, 1959, p. 328 ss. M. G. in ETÀ IMPERIALE ROMANA: U.

Wuilleumier e E. Langlotz si sono posti anche il quesito se, per la scultura, Taranto e la Magna Graecia siano stati centri precoci della diffusione del barocco nel mondo greco. Senza avere la pretesa di risolvere qui il quesito, ricordiamo che i tentativi di riportare all’arte tarantina sculture classicheggianti non hanno incontrato troppo successo, mentre l’indirizzo classicheggiante è, invece, delineato chiaramente altrove, nella stessa Magna Graecia, in Campania, ad esempio. Risalendo poi, al periodo arcaico, ricorderemo che un tempo, in base alla scarsità dei ritrovamenti, veniva negata in Magna Graecia una intensa attività di scultori: ora la identificazione della dea di Taranto, la recente scoperta del bronzo di Ugento, le sculture del Santuario del Sele, restituite alla nostra ammirazione dall’opera di Paola Zancani Montuoro e di Umberto Zanotti Bianco, hanno appieno dimostrato lo scarso fondamento dell’affermazione e le sculture posidoniati permettono di seguire il movimento dell’arte in un unico centro per il periodo che va dai decenni che precedono immediatamente la metà del VI secolo fino all’inoltrato IV secolo.

G. v. , 47, 1942, p. ; da aggiungere le successive scoperte a Calanna, Sant’Onofrio di Roccella Ionica (G. PROCOPIO in Klearchos, 1962, p. 21 ss. , p. 32 ss. e quelle avvenute all’inizio del secolo XIX in altre località della Calabria (MAIURI in Atti II, p. 63). Per la zona apula: M. GERVASIO, Bronzi arcaici e ceramica geometrica, Bari 1921; FR. v. DUHN, Ital. Gräberkunde, II (FR. MESSERSCHMIDT), Heidelberg 1939, p. ; D. RANDALL MAC IVER, The Iron age in Italy, Oxford 1921, pp. ; C. DRAGO, Autoctonia del Salento, 1950, p.

Download PDF sample

Rated 4.80 of 5 – based on 40 votes